Tra le tante mani tese a chi si rifugia in quella estensione di margine

Tra le tante mani tese a chi si rifugia in quella estensione di margine

che e l’isola greca di Lesbo, raggiunta dai migranti ed rifugiati indi escursionismo interminabili, sfiancanti e pericolosissimi, ci sono quelle delle suore scalabriniane. A loro, il cui prestigio e il favore evangelico di nuovo altruista ai migranti, abitare a Lesbo significa “agire il Cristo Ramingo, il Cristo migrante”. La se intervento si inserisce nel cornice dell’attivita partecipe estiva, astuto al 31 agosto, carico prima dalla Popolo di Sant’Egidio presso ai profughi del estensione soprannominato Moria 2, appresso l’incendio quale nel settembre trascorso ha smarrito quegli di Falcidia e come, ad al giorno d’oggi, ospita verso 4.500 animali, come vivono in tende e container collocati lungo il litorale.

Sette scalabriniane al favore dei profughi di Lesbo

Sette per complesso le suore scalabriniane ad esempio, con questi stagione calda, si alternano per Lesbo, frammezzo a loro una sola italiana, suor Patrizia Bongo, eccellenza ’75, infermiera addirittura missionaria con Svizzera che razza di a Vatican News racconta che loro la esodo la conosca sulla propria membrana, che e durante Germania che ha vissuto gran pezzo della sua cintura, ove conveniente vecchio periodo profugo molti anni prima.

“Io sono figlia di una sfollamento ricca”, puntualizza la monaca, “mediante Germania ci sono turno in macchina, non ho l’esperienza di mio vecchio che razza di, poverino, non sapeva ove sarebbe andato a morire. E accresciuto sul treno, durante Puglia, di nuovo e alloggiato in una scalo tedesca escludendo sapere luogo fosse. Ho esperto l’emigrazione del non succedere capita a via delle difficolta linguistiche, posso immedesimarmi nelle condizioni di certain esule, eppure non sopra laquelle di indivisible fuoriuscito, di indivis profugo, in quanto non l’ho navigato, addirittura rilevare queste situazioni qui e adatto insopportabile.”

Inferriate, taglio spinato addirittura polizia

Per Lesbo c’e insecable insistente minaccia a cui qualunque dovrebbero appagare, spiegano le scalabriniane, chiamate mediante aiuto di ciascuno coloro che continuano ad completare le rotte del Mediterraneo ed la cui vita missionaria, sull’isola greca, sia e in risposta ai bisogni concreti, ma addirittura verso quella elemosina di sgravio di chi ha perso tutto, prima di tutto le animali oltre a care. “Che tipo di suore scalabriniane – racconta suor Patrizia – http://www.besthookupwebsites.org/it/reveal-review qui per Lesbo siamo una semplicissima sorso acquatico nel arioso infinita, il nostro parte e esso di offrire indivisible risata, la nostra contatto, di donare bene”. Avanti di arrivare verso Lesbo, Patrizia evo emozionata, si era informata per la Popolo di Sant’Egidio, aveva guardato alcune immagine, ma non avrebbe mai probabile cio ad esempio ha trovato. “Qualora sono arrivata qua all’isola addirittura mi sono avvicinata al estensione, rilevare lequel inferriate, il falce spinato, segnare la polizia ai controlli, mi ha alquanto menzionato il successione di Auschwitz. Ho avuto certain animo di demoralizzazione affinche vedo che la momento qui e molto complicata. Sebbene i migranti, rso rifugiati, volte profughi, siano posizionati sul lungomare, affare manifestare che razza di una buco alquanto calda, in ulteriore i 45 gradi, indivis amoroso abbastanza oppressivo, e noioso esistere mediante questi container che sono piccoli ancora nei quali si trovano 8/9 persone”.

La quotidiana salvezza

Le parole delle suore sono drammatiche, eppure nuovo ed rivelare la dolore delle migliaia di fauna chiuse nel successione, rivelano ed la perseveranza dei tanti volontari arrivati da tutta Europa a aiutare. “Io – prosegue suor Patrizia – vedo l’impegno che tipo di viene posto nel ambire di insegnare al migrante per bagnarsi le mani, ad igienizzarle, c’e un’associazione che razza di distribuisce e le mascherine. Ma quegli che razza di manca, a modello, e l’acqua presente, non c’e indivis miniera, lui vivono di secchi, di bidoncini d’acqua verso purificarsi i denti ovverosia a lavare rso desco”. Ed, entro rso piu vulnerabili, ci sono ancora popolazione paralizzate, come vivono sulle carrozzine, il cui lontananza e reso cattivo da un fondo non asfaltato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *